La Guida del Salento - Home La Guida del Salento - Itinerari






Territorio
Territorio
Storia
Natura
Cultura

Andar per Borghi
Andar per Borghi
Gallipoli
Lecce
Leuca
Maglie
Nardò
Otranto

Itinerari
Itinerari
La Grecia Salentina
i vini del Salento le strade
I frantoi apogei
I luoghi della fede
Dallo Ionio all'Adriatico
Per masserie e colombaie
Mamma li turchi

Soste
Soste
La Grotta Zinzulusa
Il Monastero di Martano
I Dolmen e Menhir
Torre Sabea

Dove e come
Dove e come
Alberghi
Agriturismi
Ristoranti
Artigianato
Buoni sapori
Home « Itinerari « il salento i luoghi dela fede« » SAN NICOLA DA CÀSOLE AL CAPO D'OTRANTO

SAN NICOLA DA CÀSOLE AL CAPO D'OTRANTO

Da Otranto, seguendo la litoranea adriatica che punta a sud, subito dopo il Capo d'Otranto, dove la costa inizia a diventare capricciosa con vertiginose balze calcaree, si sosta ai ruderi dell'Abbazia di San Nicola da Cāsole. In aperta campagna, annessa a una masseria (vedi a fato), dell'Abbazia rimane davvero ben poco se non le imponenti navate sorrette da pilastri ricostruiti nel XII sec.. Fondato nel 1099 dal Principe di Taranto e di Antiochia, Boemondo d'Altavilla, il cenobio basi liana fu distrutto dall'invasione dei Saraceni nel 1480, ma durante i suoi anni floridi fu sede di importanti incontri diplomatici tra Oriente e Occidente, nonché centro di cultura bizantina famoso per studi, traduzioni e trascrizioni di testi sacri.
Da qui si risale in auto, anche se i dintorni di Otranto sono punteggiati edifici sacri di grande pregio come il Santuario di Montevergine, verso PaImariggi, o l'Abbazia di Centoporte, in direzione Giurdignano. Si attraversa nuovamente la campagna, verso le Murge occidentali fino a Casarano.






Foto al momento non disponibile.

  PHOTOGALLERY


Foto al momento non disponibile.
Foto al momento non disponibile.
Foto al momento non disponibile.



Foto al momento non disponibile.